COUS COUS DOLCE DI CIBIAMICI

Vai alla ricetta

In attesa della ricetta del vostro cous cous, che potete inviare compilando il form alla pagina contatti oppure direttamente sulla pagina Facebook, vi presento il mio cous cous dolce. Ricetta semplice, veloce che piacerà a tutti! Anche per colazione o spuntino…e vedremo come!

Intanto pensiamo agli ingredienti: mandorle, anacardi, semi di zucca, pistacchi, datteri, albicocche secche, arancio, limone, menta...E naturalmente il cous cous, che ho scelto a grana grossa, secondo me più adatto per la versione dolce. Potete variare a seconda di quello che avete in casa, magari mettendo fichi secchi e prugne…Il risultato sarà ottimo comunque!

Ingredienti per il cous cous dolce di Cibiamici

200g cous cous a grana grossa

400cc latte di mandorla non zuccherato

50g albicocche secche

50g datteri

50g mandorle

50g pistacchi

50g anacardi

50g semi di zucca

1 arancia

1 limone

menta fresca a piacere

Procedimento:

Portare ad ebollizione il latte di mandorle, spegnere il fuoco e versarvi il cous cous, coprendo la pentola con il coperchio. Lasciar assorbire tutto il liquido. Nel frattempo, tagliare la frutta essiccata, rompere grossolanamente la frutta secca e pelare a vivo l’arancia. quando il cous cous è pronto, aggiungervi tutti gli ingredienti, amalgamando bene. Disporre in un vassoio, decorando con le fette di arancia e la menta tritata.

Come per tutti i dolci che si rispettino, anche il nostro ha un bel po’ di carboidrati, il 60% circa, tutti ad alto carico glicemico. Le porzioni possono arrivare anche a 10 con queste dosi, per 240 Kcal a porzione. Comunque, giusto per regolarvi, il totale preparato somma 2441,31 Kcal: sarà sufficiente suddividerlo nel numero di porzioni che ritenete e calcolarne le calorie a porzione. Visto che stiamo peccando, potete aggiungere del miele per rendere il tutto ancora più goloso!

L’abbinamento che vi consiglio è con un secondo quasi esclusivamente proteico, in modo da bilanciare il tutto correttamente: io ho pensato al pesce e in particolare  a una delle mie ricette preferite, il salmone marinato con salsa alla curcuma. Ma va benissimo anche un‘insalata di pollo o ancora il tempeh alla cacciatora per un pasto totalmente vegan!

tempeh alla cacciatorasalmone marinato con salsa alla curcumatiepido di pollo

 

 

 

 

E se vi avanza qualcosa? Nessun problema, ecco due idee per voi:

1 – GRANOLA PER COLAZIONE

Disponi il cous cous avanzato in una teglia rivestita di carta forno e ungilo con un cucchiaio di olio di cocco aiutandoti con le mani. Inforna a 170°C rigirando il composto dopo i primi 10 minuti di cottura. Prosegui per altri 5 minuti e conserva in un barattolo di vetro. Utilizzalo assieme a yogurt bianco greco per la colazione del mattino.

2 – BARRETTE ENERGETICHE

Parliamo sempre di barrette, ma per lo più proteiche. Oggi vi propongo una barretta energetica a tutti gli effetti, data l’abbondanza di carboidrati. Aggiungendo anche il cioccolato, come nella mia proposta, si raggiunge il 75% di carboidrati. Sciogliere una tavoletta di cioccolato fondente, il più alto in tenore al cacao che trovate. Disporlo in un recipiente rettangolare e versarvi sopra il cous cous freddo, che avrete amalgamato con olio di cocco. Appiattire con una spatola e mettere in frigorifero a indurire. Tagliare quindi in barrette, che rivestirete con carta forno singolarmente e conserverete al fresco, anche in congelatore

Queste barrette sono fantastiche per chi fa attività sportiva; ma mi raccomando, utilizzatele durante e non subito prima il vostro allenamento per non incorrere nell’effetto rebound, che provoca un calo di energia dopo la prima mezz’ora. Vanno benissimo per chi va in bicicletta, ad esempio in mountain bike o per chi, come il nostro amico Roberto (che saluto!) si sta preparando per un’impresa memorabile in Valle d’Aosta.

Per lui, e per tutti quelli che  devono portare con sè il cibo, consiglio di eliminare il cioccolato e di preparare con il cous cous delle monoporzioni grosse come una pallina da ping pong. Le mangerete dopo la prima ora della vostra fatica per un’ottima fonte di energia. Ricordatevi, e mi rivolgo sempre a Roberto, di “fare il rifornimento” quando il percorso non è particolarmente impegnativo e di anticipare il senso di fame. Ricordando ovviamente che idratarsi con continuità è altrettanto importante che alimentarsi.

Naturalmente potete velocizzare la creazione della barretta, o della pallina, utilizzando fiocchi di avena: in questo caso lasciateli ammorbidire nel latte di mandorla e successivamente amalgamateli con tutti gli altri ingredienti. Sostituite l’arancia con la banana, che ridurrete a crema, aggiungete se volete un po’ di polvere di spirulina, un pizzico di sale marino integrale macinato e avrete una barretta…da provare!

A prestissimo (dopo Ferragosto…) per la ricetta completa!

Good luck Roberto!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.