BISCOTTI AL CIOCCOLATO FONDENTE E NOCCIOLE

Vai alla ricetta





 Colazione sprint con i biscotti al cioccolato fondente e nocciole!

Una vera goduria. Come al solito il procedimento è semplicissimo, così come la scelta degli ingredienti. Solo uno è “particolare”, ma potete sostituirlo, tranquilli!

Ingredienti per 20 biscotti al cioccolato fondente e nocciole:

150g acqua di cottura dei ceci (potete sostituire con 4 albumi)

50g zucchero di canna integrale

50g cacao amaro in polvere

100g farina di nocciole

Procedimento:

Montare con le fruste l’acqua di ceci assieme allo zucchero integrale, fino a farla diventare ben spumosa. Aggiungete il cacao in polvere e in ultimo la farina di nocciole. Distribuite il composto a cucchiaiate su una teglia, coperta di carta forno, e formate delle cialde abbastanza sottili aiutandovi con il dorso del cucchiaio. Mettete in forno a 160 gradi per almeno tre quarti d’ora.

Valutazione nutrizionale

Questi biscotti sono totalmente vegani se li preparate con l’acqua di ceci e diventano un poco più proteici utilizzando gli albumi. Sono davvero buoni per colazione, decisamente “cioccolatosi” per iniziare alla grande la giornata, soprattutto se come me non siete ancora in ferie….Provate a spalmarli con un cucchiaino di marmellata ai lamponi e ricotta (o tofu spalmabile per la versione vegan), sono buonissimi!


E l’apporto calorico? Vi confesso che ho preparato la versione con l’acqua di ceci, che oltretutto rappresenta un ottimo modo per non sprecare nulla! In questo caso, ogni biscotto ci fornisce circa 50 Kcal, con un rapporto proteine/carboidrati 0,37. A me piace che la colazione sia un pochino più bilanciata rispetto alle proteine…Farcite i biscotti come vi ho detto in precedenza, oppure, per una colazione ancora più salutare, accompagnateli con uno yogurt bianco. Potete sceglierlo di soia, senza carboidrati aggiunti, o greco senza grassi.

E a proposito di grassi: solo quelli delle nocciole! fate quindi il pieno di grassi di qualità, che aiutano a tenere sotto controllo il nostro profilo lipidico. Inoltre la presenza di grassi, oltretutto “buoni”, aiuta ad abbassare il carico glicemico, aiutandoci a rimanere sazi più a lungo.

Due parole sullo zucchero integrale. Ricordatevi che c’è davvero tanta differenza fra l’integrale e quello raffinato. Lo zucchero integrale mantiene tutti gli oligoelementi originari, fra cui il cromo, minerale importantissimo per il corretto assorbimento degli zuccheri nel sangue. La stessa ricetta con lo zucchero raffinato sarebbe stata decisamente meno salutare!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.